top of page

"Il mondo è là fuori"


Una fantastica gita


Ciao, sono Lucia e voglio parlarvi della gita a Norcia organizzata dalla mia scuola Chesterton. Sono salita di corsa sul pullman e mi sono seduta vicino a Micaela, una mia compagna di classe. Durante il viaggio abbiamo giocato con le sciarpe e disegnato. Avremmo voluto anche dormire, ma non ci siamo riuscite. Ero molto felice, perché ero in buona compagnia. Durante tutto il tragitto abbiamo potuto ammirare cose molto belle: colline ed alberi di ogni tipo e di ogni colore. Quando siamo passati alle Piane, inoltre, abbiamo visto un paesino chiamato Castelluccio. Davanti a noi era rappresentata la regione dell'Italia con gli alberi. Era bellissima! 

Poi, finalmente, siamo arrivati presso la cioccolateria "Vetusta" e non credevo ai miei occhi perché era tutta addobbata con i dolci. Un operaio ci ha spiegato come lavorano e ci ha detto che la loro specialità è il cioccolato al tartufo. 

Dopo siamo ripartiti con il pullman per andare in piazza a Norcia. Qui i maestri ci hanno raccontato la vita del Santo patrono di tutta l'Europa, San Benedetto da Norcia. Dopo la caduta dell'Impero Romano, Benedetto non accettò di vivere in una società cattiva e corrotta, quindi scappò per vivere una vita vicino a Gesù e fondò il monachesimo. Da San Benedetto ho capito l'importanza di voler bene a Gesù e che, per Lui, si può rinunciare a tutto. 

A mezzogiorno siamo andati a fare pranzo al parco e ci siamo ingozzati come fossimo bufali affamati. Successivamente abbiamo raccolto un sacco di foglie per costruire una super montagna sulla quale ci siamo tuffati tutti insieme. È stato molto divertente! Nel pomeriggio siamo tornati alle piane di Castelluccio per giocare, correre e far volare gli aquiloni. Il nostro maestro di ginnastica ci ha fatto salire sulle balle di fieno e qui l'istinto di saltare, per me e tutti i miei compagni, è stato irresistibile. La maestra Paola, cercando di salire, è caduta e mi ha fatto morire dal ridere. Nel tardo pomeriggio siamo tornati a scuola perché si stava facendo buio. Così finisce la mia gita: abbiamo fatto molte foto e vissuto tante belle cose insieme. Mi sono divertita e non vedo l'ora di fare la prossima gita!

Lucia




La gita a Norcia


Ciao a tutti, sono Luigi e frequento la quinta elementare della scuola libera G. K. Chesterton. La scorsa settimana sono andato in gita a Norcia. L'attesa, prima della partenza, mi è sembrata lunga, perché non vedevo l'ora di divertirmi con i miei compagni, e il tempo sembrava che non passasse mai. La partenza è stata piena di felicità e ricca di curiosità, perché ero contento di vedere cose nuove. Il viaggio in autobus è stato divertente e non sono mancati scherzi e risate con i miei amici. Durante il tragitto abbiamo visto dei paesaggi magnifici, con dei colori bellissimi. Quando siamo passati per le Piane di Castelluccio sono rimasto colpito dalle mille sfumature di verde e dalla presenza di animali, soprattutto dai cavalli e dalle mucche.

Già, solo osservando tutte queste cose, ho imparato che non bisogna sempre guardare la stessa cosa, ma occorre girare la testa per scoprire il mondo perché, come ci insegna la storia di "Lo Hobbit": "Il mondo non è nelle tue mappe o nei tuoi libri, ma è là fuori!". 

L'arrivo a Norcia, presso la cioccolateria "Vetusta", è stato molto emozionante. All'ingresso ci hanno fatto assaggiare il cioccolato al latte e quello fondente. Io ho preferito quello al latte. La fabbrica era piena di macchinari rumorosi da cui fuoriuscivano delle cascate cioccolatose. Un operaio ci ha spiegato che il cioccolato si fa con la fava di cacao che viene tritata e alla quale si aggiunge poi il burro, lo zucchero e il latte. Ci ha poi detto che, in base al tipo di cioccolato, cambiano le dosi. Tutto ciò mi sembra fantastico! Al negozio ho comprato una tavoletta di cioccolato e una confezione di caramelle. 

Dopo siamo andati in centro a Norcia, dove i maestri ci hanno raccontato la vita di San Benedetto da Norcia. Ho capito che rispettare la regola benedettina è una cosa buona e aiuta il monaco ad impegnarsi di più nella preghiera e nel lavoro. Il pranzo lo abbiamo fatto in un parco e ho mangiato la pizza. Qui, con i miei compagni, ho fatto un cumulo di foglie sul quale ci siamo tuffati.


Dopo pranzo siamo andati alle Piane di Castelluccio, dove abbiamo giocato con gli aquiloni. Siamo saliti sulle balle di fieno e abbiamo visto che, su una collina, c’era la regione dell’Italia fatta con gli alberi. È stato tutto molto bello! Durante il viaggio di ritorno, che mi è parso silenzioso perché ho dormito, ho parlato un po' con il mio compagno di posto, Alessandro e ciò mi ha fatto piacere. Spero che anche voi abbiate fatto una gita così divertente!

Luigi


35 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page