top of page

Una lezione spaziale!

Quest’anno ho iniziato a studiare spagnolo, non ero molto allettato all’idea, in quanto non mi piace studiare lingue che non siano l’italiano, l’inglese o le così dette “lingue morte”, ma, sapendo che lo spagnolo è abbastanza simile all’italiano, tanto che già guardavo video su Youtube in spagnolo, ho pensato che fosse meglio del francese degli anni precedenti, cosa che mi rincuorava.

Alla fine lo spagnolo non è così difficile, anzi, è quasi divertente, credo che sia a causa della prof, che ci dà, a volte, compiti divertenti da fare, come, ad esempio, create un albero genealogico per imparare i nomi della famiglia in spagnolo.

L’albero genealogico non doveva per forza essere il nostro, ma poteva anche essere quello di qualche nostro amico o di qualche personaggio inventato.

In questo caso ho deciso di fare l’albero genealogico degli Skywalker di Star Wars, la mia saga cinematografica preferita (anche se, se me lo avessero chiesto adesso, avrei provato a fare qualcosa su Stranger Things, serie che ho appena visto e adoro).

Ho deciso di rappresentare qualcosa inerente a Guerre Stellari perché è una saga con la quale sono cresciuto, della quale mi sono appassionato e della quale sono un grande fan. La prima volta che vidi un film di Star Wars fu nel 2012, quando vidi “L’Impero Colpisce Ancora” e da quel momento non ho fatto altro che recuperarmi i film e le serie TV della saga degli Skywalker.

A proposito degli Skywalker, ovviamente se dovevo fare un albero genealogico su qualche personaggio di Star Wars doveva essere proprio quello di Luke, in quanto è l’unico abbastanza conosciuto e famoso per essere inquadrato dagli altri membri della classe e dalla prof.

Per il design dell’albero ho scelto di ispirarmi a quello del “mondo trai mondi” (luogo, visto per la prima volta nella serie animata Star Wars Rebels dove, la Forza ti conduce se vuole che sistemi qualche errore o evento non designato dalla Forza stessa), quindi con uno sfondo nero e dei cerchi e linee bianche sospese nel vuoto che fungono da “corridoi”.

Mi è piaciuto molto fare questo lavoro e spero che la prof ci faccia fare presto qualcosa di simile, sperando, sta volta, di poter fare qualcosa su Stranger Things.

Arrivederci da

Flavio Marzi

“Che la Forza sia con Voi”

10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


bottom of page