top of page

Una lezione di laboratorio in francese

Poco prima di Natale, ho deciso di ripetere il piacevole esperimento di una lezione di laboratorio in francese, insieme agli alunni di secondo alberghiero e la professoressa di cucina. Anche questa volta la scelta é ricaduta su un ottimo dolce: il Paris Brest. Così ho iniziato ad elencare loro gli ingredienti necessari e, ascoltando solo le mie indicazioni in lingua, i ragazzi sono passati alla preparazione vera e propria. Antonio ha realizzato un’ottima pasta choux che ha poi disposto a forma di corona sulla carta forno e decorato con mandorle sottili. Margherita ha preparato una buonissima crema. Per terminare, hanno tagliato in due la corona, l’hanno farcita con più strati di crema e hanno posto sopra l’altra parte, decorando il tutto con delle mele caramellate e una spolverata di zucchero a velo. Come l’anno scorso, si è rivelata un’esperienza molto interessante perché gli alunni si sono divertiti imparando qualcosa in più in cucina e accrescendo la loro conoscenza della lingua francese, esercitandosi nella comprensione orale. È stato bello vedere che i ragazzi hanno apprezzato e messo impegno in qualcosa che a loro piace. Abbiamo scoperto che anche attraverso la preparazione dei piatti si può conoscere anche qualcosa della cultura di un paese: in questo caso, la forma del Paris Brest ricorda la ruota di una bicicletta perché il pasticcere la inventò ispirandosi alla famosa gara ciclistica da cui prese il nome. Infine é stato utile anche per me perché é sempre interessante apprendere qualcosa in più nell’arte culinaria.

Michela Vitaletti, Insegnante di francese all’istituto alberghiero Chesterton

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page